Social Media e Investigazione

investigazioni_internazionali-agenzia_investigativa_internazionale_pherseiNell’ambito dell’Intelligence e dell’investigazione si è diffusa sempre più in questi ultimi anni la disciplina dell’OSINT, quale processo di analisi delle fonti aperte. All’interno di questa disciplina, soprattutto nel mondo della Cyber Intelligence, si afferma con imponenza l’utilizzo di una innovativa branca: la SOC.M.INT. La SOCial Media INTelligence, che si riferisce ai contenuti socialmente prodotti e agli strumenti utilizzati per creare e pubblicare questi dati. Affacciatasi nel panorama dell’Intelligence per i processi di analisi ormai da tempo, viene impiegata sempre più frequentemente e con applicazione in ambiti di contrasto alla criminalità più disparati. Questo approccio investigativo si fonda sul reperimento di informazioni utili al ciclo di intelligence tramite il monitoraggio e l’analisi dei contenuti scambiati online attraverso i Social Media. Un’importante distinzione da farsi subito riguarda la differente accezione spesso confusa fra social network e social media: i social network sono solo una piccola componente dei social media. I social media includono oltre ai social network: blog, forum, siti social, audio, foto, immagini varie, video, chat, livecasting, virtual words etc. Tuti questi siti e queste applicazioni hanno lo scopo di facilitare la creazione e lo sviluppo dei rapporti sociali e la comunicazione fra individui, ecco perché i social network sono la fonte primaria, ma non esclusiva, della SOC.M.INT. Esiste un social per tuto: Twitter per le comunicazioni brevi ed istantanee, Facebook per esprimere emozioni e stati d’essere, Foursquare per condividere luoghi, Instagram per le foto, Youtube per i video, LinkedIn per l’ambito professionale, Badoo e Meetic per le relazioni affettive, Pinterest, Google Plus etc La natura social di Facebook in primis, ma anche di Twitter ed altre piattaforme, facilitano la condivisione e la visibilità di stati psicologici, opinioni politiche, fede religiosa, gruppi d’appartenenza, pagine, gusti, condizione economica etc. Sfruttare queste fonti informative consente all’investigatore di acquisire molte notizie non riscontrabili ad esempio nelle banche dati istituzionali o nelle normali attività. L’uso dei social è così largamente diffuso che il monitorato lascia impronte digitali che sono come tracce nel web, informazioni preziose da raccogliere oltre che fra vari social network un “passo falso” è probabile che lo compia. È indispensabile affidarsi a più canali senza imbattersi nell’errore di dare credito ad un unico social network perché è sempre il monitorato a scrivere, postando ciò che vuole (non necessariamente veritiero). Bisogna allora mettere insieme più fonti e verificare l’esito delle informazioni incrociate perché SOC.M.INT. significa ricavare da ogni social network, ma non solamente, specifiche informazioni con diversa intensità e significatività. Da tenere presente che i social media sono tipicamente caratterizzati da: proprietà (alto livello di pertinenza), immediatezza, usabilità (sono tuti essenziali ed intuitivi, si apprendono con nozioni basiche), volatilità (difficile reperire post eliminati), dialogo ed interazione perché si può interagire o condividere elementi, amplificano voci e azioni, promuovono trasparenza e si identificano per una inconsueta immersività. Ragioni che devono portare un investigatore competente a saper circoscrivere l’obiettivo investigativo, selezionando e creando una lista di priorità che servono allo scopo, tenendosi sempre aggiornato sugli strumenti più adatti e tipici per ogni nazione, fascia d’età, cultura, religione, interessi dell’individuo o del gruppo o dell’azienda, fino ad incrociare i risultati fra più canali interni alla SOC.M.INT. e poi quelli raffinati, da qui ottenuti, con quelli relativi al resto delle analisi e delle indagini svolte sfruttando strumenti istituzionali ottenendo quindi un supporto concreto per una visione totale. Elemento sostanziale dei social media è la presenza di notizie riguardanti la composizione ed i comportamenti di alcuni soggetti o di gruppi, consentendo la possibilità di analizzare l’evolversi di una rete sociale oltre a mantenere uno storico da approfondire, contestualizzando. Solitamente, ai risultati della SOC.M.INT., si associa la SNA (Social Network Analysis), efficace nell’individuare i nodi più importanti all’interno delle reti, tecnica che analizza le strutture, le funzioni e il contenuto delle reti sociali e che negli ultimi anni ha visto incrementare il suo utilizzo in prospettiva investigativa e nello studio della criminalità organizzata. La capacità predittiva è determinata dalla centralità, cioè la capacità di un individuo nel mettere in collegamento persone che non si conoscono direttamente, una posizione di ponte tipica di alcuni ruoli. Con riferimento alle attuali vicende terroristiche e ai promotori di tragiche iniziative ad esse correlate che si avvalgono notevolmente di questi mezzi “social” per diffondere e veicolare messaggi, sarebbe importante per esempio rilevare i leader delle reti connettive, i nodi chiave, gli altri attori, i gradi di prossimità, saper identificare alcuni indicatori, l’insorgere di situazioni, monitorare soggetti, saper carpire dati su determinati siti e attraverso profili più o meno chiusi in maniera più o meno intrusiva. L’evoluzione delle modalità di comunicazione del terrorismo impongono all’Intelligence di dotarsi di strumenti e competenze capaci di confrontarsi con questo fenomeno. Diventa sempre più indispensabile riconoscere e prevenire processi, a vari livelli e su due dimensioni: comunicazioni private e comunicazioni pubbliche, spesso in tempo reale. Essere in grado di saper aggregare queste informazioni reperite su più siti social, saperle utilizzare con dei criteri e dei parametri specifici, impostando un processo, sommandole a informazioni già ricavate non solo online, ma anche offline nella vita quotidiana, diventa senza dubbio una parte importante di intelligence per la sicurezza.

By Sara Bartolucci

Sicurezza e Giustizia I/MMXVI – 37/38

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: