La sicurezza aziendale: una questione socio-criminologica.

sicurezza-aziendaleIl legame tra criminologia e sicurezza potrebbe sembrare sottile, lontano, quasi utopico[1].  Al contrario, nella loro applicazione pratica, le due risultano correlate ed interdipendenti, tanto da non poter parlare dell’una senza tenere in considerazione teorie o elementi dell’altra. Lo studio dei fenomeni criminosi appare, infatti, fondamentale nella definizione e nell’applicazione delle politiche di sicurezza, in quanto per entrambe risulta fondamentale comprendere prima di agire[2]. L’organizzazione delle politiche di controllo e sicurezza (in ogni loro aspetto) implicano un’analisi del contesto (o del Campo, per dirla con Kurt Lewin) tipico delle scienze sociali e criminologiche. Questo è evidente soprattutto se consideriamo la natura predittiva della criminologia, considerandola come la ricerca di strumenti conoscitivi per l’elaborazione teorica di ipotetici scenari (criminosi) futuri[3]. Essere in grado di conoscere e analizzare le caratteristiche ambientali, così come le caratteristiche e le motivazioni individuali (risultato di uno studio di matrice socio-criminologica), permette una corretta ed adeguata progettazione e strutturazione di un piano di controllo e di sicurezza[4]. Nello specifico, parlando di sicurezza in ambito aziendale, ci riferiamo alla protezione e alla difesa di beni e persone. Quindi dobbiamo necessariamente interfacciarci al concetto di rischio, esattamente come quando parliamo di prevenzione del crimine, ed anche in questo campo ci sono molto utili le teorizzazioni delle scienze umane, sociali e criminologiche. Ogni impresa è considerata un microcosmo sociale, una realtà sociale immersa nell’ambiente circostante, e che con esso ha un rapporto di interrelazione e di influenza reciproca[5]. Perciò, cercare di individuare e rappresentare in maniera verosimile tutti i potenziali scenari criminosi (o dannosi!) futuri è fondamentale nella realizzazione di una corretta valutazione dei rischi aziendali. Il risk management è infatti l’elemento di integrazione tra sicurezza e studio del crimine, in quanto nella security aziendale non è sufficiente individuare i potenziali rischi, ma occorre capire le cause dell’evento, il contesto ambientale, la collocazione temporale, e perfino le motivazioni individuali (se si tratta di un evento dannoso volontario). CRIMINOLOGIA e SICUREZZA costituiscono allora un binomio vincente anche sul piano imprenditoriale di crescita del valore (economico, ma non solo) dell’impresa. Il criminologo deve saper valorizzare e gestire situazioni di security management e tecniche investigative, e d’altra parte il professionista della security necessita di competenze multidisciplinari di matrice economica, ma anche socio-criminologica per poter fornire contributi rilevanti a tutti i manager e a tutte le funzioni aziendali[6]. Per preservare obiettivi economici, dunque, ma allo stesso tempo per assolvere ad una responsabilità etica di protezione del fattore umano da qualsiasi danno possa ledere la persona, la funzione sicurezza diventa fondamentale in ogni ambito aziendale e lavorativo. Da una personale analisi teorica e pratica del tema emerge la necessità di una strutturazione solida ma allo stesso tempo flessibile della sicurezza, intesa come applicazione di normative, realizzazione di procedure, impianti e sistemi di safety e security. Una combinazione forse ardua, ma che allo stesso tempo si riesce ad ottenere con esperienza, studio, conoscenza approfondita e multidisciplinare e una profonda passione e dedizione. Considerare una qualsiasi impresa o organizzazione come un sistema in grado di produrre se (e solo se) ogni sua singola parte funziona, rende plausibili le richieste normative dell’inserimento di una sicurezza integrata ad ogni livello della vita aziendale. Se non vi sono un’analisi del rischio integrata, una redazione dei piani di evacuazione, una previsione di spazi e strutture adeguate per gestire delle emergenze future, nonché un’analisi criminologica dello spazio urbano circostante e del potenziale criminogeno la realizzazione di qualsiasi sistema di sicurezza non sarà mai efficiente ed affidabile al 100%. Una figura di un professionista della security adeguatamente formato a tutto tondo, con studi di matrice economica ma anche criminologica, è allora una soluzione interessante alla quale, fortunatamente, da un po’ di anni si inizia a pensare. Ricordiamo, concludendo, che è umanamente impossibile e utopico auspicare ad una sicurezza onnicomprensiva e totale: l’incertezza è inevitabile nella vita dell’uomo! Ma conoscenze, formazione, esperienza e una profonda passione possono forse aiutare a contenere le eventualità inaspettate che la vita ci preserva.

Scritto dalla d.ssa Federica Perrucci

[1] L’articolo è tratto dal lavoro di tesi “La sicurezza nella Grande Distribuzione Organizzata”, risultato di un’analisi teorica e pratica del settore, nonché di interviste a esperti e professionisti delle diverse funzioni aziendali della GDO e della funzione di security e vigilanza.

[2] cfr. Forlivesi A. (2002), Criminalità, rischio e sicurezza. Analisi e prospettive, Bologna, Clueb.

[3] Ibidem

[4] Un reato, così come un evento dannoso, non è mai isolato, ma è inserito in un contesto sociale, e dunque da questo condizionato.

[5] cfr. Tonellotto M. (2017), La sicurezza nelle organizzazioni: un approccio socio-criminologico alla security aziendale, Milano, Franco Angeli srl.

[6] cfr Tonellotto op.cit; Balloni, Bisi, Sette (a cura di) (2015), Criminologia applicata per la investigazione e la sicurezza. Metodologie di indagine e strategie di intervento, Milano, Franco Angeli srl.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: